TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULLA CASSA ITALIANA GEOMETRI
TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER ISCRITTI CASSA E ISCRITTI SOLO ALBO
1)
Che cosa è la Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti ?
La Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti è Ente di natura associativa, con personalità giuridica di diritto privato, disciplinato da Regolamento e Statuto approvati dai Ministeri Vigilanti.
La Cassa Italiana Geometri gestisce la previdenza e l'assistenza di circa 91.000 geometri , di cui 20.900 pensionati al 15/11/2004.
Eroga pensioni di vecchiaia, anzianità, invalidità, inabilità, reversibilità, indirette, vitalizi.
Corrisponde provvidenze straordinarie e indennità di maternità.
2)
Qual'è l'indirizzo della Cassa Geometri e come fare per contattarla ?
La Cassa ha sede in Roma, in Lungotevere Arnaldo da Brescia n. 4.
Telefonicamente, può essere contattata al numero verde 800 655 873.
3)
L'iscrizione alla Cassa Geometri è obbligatoria per tutti coloro che si iscrivono all'albo professionale ?
L'iscrizione alla Cassa è obbligatoria per tutti gli iscritti all'albo professionale dei geometri che intendono esercitare la libera professione anche senza carattere di continuità ed esclusività.
L'iscrizione alla Cassa è, altresì, obbligatoria per chi è titolare di partita I.V.A. per l’esercizio della professione di geometra.
4)
Una volta inoltrata la domanda di iscrizione all'albo professionale, cosa si deve fare per essere iscritti anche alla Cassa Geometri ?
Chi inoltra la domanda di iscrizione all'albo professionale, per essere anche iscritto alla Cassa non deve produrre nessuna ulteriore istanza o atto; è il Collegio dei Geometri che avvia d'ufficio l'iter procedurale di iscrizione alla Cassa, che avviene obbligatoriamente, come detto, per coloro che rientrano in quanto già accennato al precedente punto 3).
5)
È possibile essere iscritti all'albo professionale e non alla Cassa Geometri ?
Si. È possibile mediante la sottoscrizione da parte dell’interessato, al momento dell’iscrizione all’albo, di una specifica autocertificazione su un apposito modulo predisposto dalla Cassa Geometri. (mod. 1/03/R)
L’autocertificazione dovrà attestare l’esistenza delle seguenti condizioni:

1.
di non esercitare l’attività professionale, senza vincolo di subordinazione, in forma singola, societaria o associata, anche in via occasionale e/o sotto forma di consulenza, di perizia e di attività coordinata e continuativa e di qualsiasi attività’ le cui prestazioni rientrino nelle competenze tecniche di geometra;
2.
di non essere titolare di partita I.V.A. per l’esercizio della professione di geometra;

L’interessato dovrà altresì dichiarare nella predetta autocertificazione di essere a conoscenza dell’obbligo - qualora si verifichi successivamente la circostanza dell’esercizio dell’attività professionale di geometra o diventi titolare di partita IVA per l’esercizio della professione - di darne comunicazione alla Cassa entro 30 giorni dall’inizio dell’esercizio dell’attività stessa, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno da inviare direttamente alla Cassa ovvero tramite il collegio di appartenenza;
6)
Quali sono i contributi fissi minimi che l'iscritto obbligatorio alla Cassa deve pagare ogni anno ?
I contributi fissi obbligatori dovuti dal geometra iscritto alla Cassa sono:
• il contributo soggettivo minimo (per il 2013 è di € 2.500);
• il contributo integrativo minimo (per il 2013 è di € 1.000);
• il contributo di maternità (per il 2014 è di € 21) .
(guarda gli importi dei contributi fissi previsti per gli anni sino al 2017)
7)
Sono previste agevolazioni o riduzioni per i neo iscritti alla Cassa Geometri e in che cosa consistono ?
Le agevolazioni per i neo iscritti alla Cassa sono previste per un periodo massimo di 5 anni dal momento dell'iscrizione alla Cassa e, in ogni caso, non oltre il 30° anno di età.
I neo iscritti che usufruiscono delle agevolazioni previste effettuano i seguenti pagamenti:

ANNO
CONTRIBUTO SOGGETTIVO
CONTRIBUTO INTEGRATIVO
1° anno.
1/4 del contributo soggettivo minimo
0
2° anno.
1/4 del contributo soggettivo minimo
0
3° anno.
1/2 del contributo soggettivo minimo
0
4° anno.
1/2 del contributo soggettivo minimo
0
5° anno.
1/2 del contributo soggettivo minimo
0